informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come scegliere il titolo della tesi: la guida passo dopo passo

Commenti disabilitati su Come scegliere il titolo della tesi: la guida passo dopo passo Studiare a Grosseto

Come scegliere il titolo della tesi di laurea? Questa è sicuramente una delle domande che ti sarai posto più spesso durante la stesura del tuo elaborato finale. In questa guida vogliamo aiutarti a fugare ogni dubbio: qui troverai tanti consigli e spunti utili per trovare il titolo perfetto per la tua tesi.

La scrittura della tesi è un lavoro lungo e laborioso: dalla scelta dell’argomento alla cura della bibliografia, stendere un elaborato finale richiede tempo e tutte le conoscenze acquisite nel corso dei tuoi studi.

La prima cosa da dire riguardo al titolo è assai semplice: non esiste il titolo perfetto. Nel titolo devi essere sintetico e cercare di inserire una definizione del tuo lavoro in poche parole. Chiaramente non è facile, ma ricopre un’importanza cruciale: dietro al titolo si cela l’informazione principale, ossia il contenuto del tuo lavoro, che deve essere interessante e accattivante.

Vediamo ora le linee guida e gli spunti per trovare l’ispirazione per il tuo titolo.

Ecco come scrivere una tesi e trovare il titolo ideale

La scelta del titolo della tesi può essere anche l’ultima delle cose che farai, ma non è affatto un elemento da sottovalutare.Il titolo è una componente importante proprio quanto l’impaginazione della tesi, l’indice, l’introduzione, la struttura, la bibliografia, l’abstract, le conclusioni e così via.

Ecco qualche consiglio su come scegliere il titolo del tuo elaborato finale.

LEGGI ANCHE – Note a piè di pagina nella tesi: cosa sono e come si scrivono

titolo tesi di laurea

Premessa: come si scrive una tesi

Prima di parlare del titolo, facciamo un passo indietro e vediamo quali sono gli elementi che caratterizzano una tesi di laurea.

Conoscere tutti questi elementi è importante per capire in che contesto si inserisce la scelta del titolo. A tal riguardo, ci sono diverse scuole di pensiero: per alcuni il titolo dovrebbe essere la prima cosa che si scrive, per altri, invece l’ultima. Non esiste un pensiero giusto e uno sbagliato, ma sicuramente avere sottomano il tuo elaborato completo può aiutarti a sviluppare più idee per il titolo.

Tornando alla struttura della tesi, ecco gli elementi che la compongono:

  • Introduzione della tesi;
  • Abstract;
  • Corpo del testo;
  • Conclusioni della tesi;
  • Bibliografia della tesi e sitografia;
  • Ringraziamenti tesi;
  • Eventuali appendici.

Chiaramente, ci sono anche altri fattori importanti da considerare, come i caratteri della tesi e l’impaginazione. Ora che abbiamo visto da cosa è composto un elaborato finale, entriamo nel vivo della nostra guida e parliamo di come scegliere il titolo della tesi.

Titolo tesi: da dove iniziare

Come abbiamo detto, i titoli contengono l’informazione principale, devono essere interessanti a prima vista e ricchi di informazioni.

Spesso, in una tesi di laurea, il titolo è composto da una parte principale e una frase secondaria che specifica, chiarisce, orienta meglio rispetto al tema proposto dal titolo principale.

Se desideri perseguire questa via, rendi quanto più possibile chiara la tua scelta differenziando stilisticamente i titoli: ad esempio potresti scrivere il titolo principale in maiuscolo e il sottotitolo in minuscolo.

Una cosa importante da dire è che quasi sicuramente il primo titolo che sceglierai non sarà il definitivo. Per questo motivo, non disperarti troppo se la prima bozza non ti convince.

Ciò accade perché:

  • Puoi confermare il titolo o cambiarlo dopo aver sviluppato la tesi o, perlomeno, la maggior parte del suo contenuto, perché deve esserci una certa coerenza tra i due aspetti. Chiaramente, non potendo sapere che piega prenderà il tuo lavoro finché non lo scrivi, il titolo manterrà il suo carattere di provvisorietà;
  • Non puoi permetterti di bloccare il tuo lavoro di stesura perché non hai ancora un titolo certo. Non lasciarti prendere dalla preoccupazione e procedi pure con la tua tesi.

Una volta individuato il tema, inizia a pensarci. Chiedi consiglio ai tuoi amici: spesso l’apporto delle persone che ci sono vicine riesce ad aprirci orizzonti e prospettive diverse.

Elementi di un buon titolo

Non ci sono regole rigide su come scegliere il titolo della tesi. Diciamo che l’unico fattore da considerae fa riferimento alla lunghezza: ricorda sempre che stiamo parlando di un titolo che, per definizione, non può essere eccessivamente lungo.

Durante l’impaginazione della tesi, presta attenzione a come distribuisci il titolo nello spazio, soprattutto se è corredato anche da un sottotitolo.

Il nostro suggerimento è quello di inserire sia l’argomento generale che il dettaglio della nostra analisi. Come facciamo per inserire entrambe le cose?

  • Il titolo è una sintesi estrema dell’argomento della tua tesi;
  • Il sottotitolo o titolo secondario va ad ampliare il titolo vero e proprio e ad arricchirlo esplicando alcuni aspetti collaterali.

Per mettere in luce questo principio e lavorare su questa strada, un approccio utile consiste nello scrivere prima l’argomento generale e poi l’argomento specifico, separati da “:”.

Facciamo ora un esempio di titolo per la tesi, così che tu possa capire meglio di cosa stiamo parlando. Supponiamo di scrivere una tesi di laurea in giurisprudenza, il cui argomento principale è la legittima difesa. In particolare, quello che vorremmo evidenziare nella tesi sono tutti gli aspetti caratteristici dell’autodifesa, dai vuoti normativi alla peculiarità della legge in materia.

Dunque: 1 – la legittima difesa è l’argomento generale; 2 – gli aspetti caratteristici dell’autodifesa sono l’argomento specifico. Ecco un ipotesi di titolo: “La legittima difesa: caratteristiche e limiti del diritto di autotutela in Italia”.

Tieni sempre in considerazione che non esiste una regola assoluta, ma di certo un suggerimento utile può essere quello di definire il titolo tesi, preoccupandosi di inserire argomento generale e specifico così come abbiamo visto. Facciamo un altro esempio e immaginiamo che l’argomento principale della nostra tesi sia la revisione contabile (argomento generale) e che vogliamo focalizzarci sull’evoluzione storica (argomento specifico) di quest’ultima. Un esempio di titolo tesi potrebbe essere: “Revisione contabile: un’analisi sulla sua evoluzione storica.”

Per trovare il tuo titolo, dedicati ad una seduta di brainstorming: prendi carta e penna, segna il tuo argomento e inizia a buttare giù delle idee. Ricorda sempre che la coerenza fra titolo e contenuto della tesi deve essere assoluta: il primo deve raccontare, in pochissime parole, il secondo.

Cosa non scrivere nel titolo

Ora che abbiamo visto come scegliere il titolo per la tesi, vediamo quali sono le cose da non fare quando si pensa al titolo:

  • Non andare a capo solo con una parola: se è composto da due frasi, vai a capo con la seconda;
  • Non lasciare parole isolate;
  • Non esagerare con la punteggiatura;
  • Alla fine del titolo non va messo il punto. Puoi però inserire un punto interrogativo, se utile e pertinente;
  • Non spezzare le parole a fine riga e evita di andare a capo solo con metà parola.

Ultimo accorgimento:  sviluppare il titolo su due frasi, o comunque in due parti, va benissimo ma ricordati sempre di non esagerare con la lunghezza. Proprio parlando di questo, ricorda la massima di George Stanley McGovern:

«Più lungo è il titolo, meno importante il lavoro»

Il dono della sintesi, specialmente nei titoli, è sempre ben apprezzato.

Su come scegliere il titolo della tesi abbiamo detto proprio tutto per oggi: sappiamo che non è facile ma siamo certi che, grazie ai nostri consigli, riuscirai a trovare spunti creativi utili per arricchire il tuo elaborato finale.

LEGGI ANCHE – Ringraziamenti tesi originali: ecco come (e a chi) scriverli

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali