informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Note a piè di pagina nella tesi: cosa sono e come si scrivono

Commenti disabilitati su Note a piè di pagina nella tesi: cosa sono e come si scrivono Studiare a Grosseto

Devi scrivere il tuo elaborato finale e non sai come utilizzare le note a piè di pagina nella tesi?

Sei nel posto giusto: in questa guida ti spiegheremo come scrivere le note nella tesi e come collocarle all’interno del tuo elaborato, illustrandoti passo dopo passo questo iter.

La prova finale di ogni laureando è una delle sfide più grandi dell’intero percorso di studi: la discussione dell’elaborato finale non è un punto d’arrivo, ma un punto di partenza per entrare nel mondo lavorativo e sfruttare tutte le competenze apprese durante gli ultimi anni.

La redazione di una tesi di laurea prevede delle specifiche linee guida da seguire: questa tipologia di scritto è, infatti, composto da più parti, da conoscere assolutamente per lavorare nel modo giusto.

Vediamo ora a cosa servono le note a piè di pagina e cosa sono.

Ecco come fare le note a piè di pagina

Se ti sei chiesto già tante volte come scrivere una tesi e come collocare al suo interno le note, continua nella lettura: ecco i consigli dell’Università Niccolò Cusano per concludere alla grande il tuo percorso di studi.

LEGGI ANCHE – Ringraziamenti tesi originali: ecco come (e a chi) scriverli

Prima di iniziare: tesi di laurea e struttura

Prima di vedere nel dettaglio cosa sono le note a piè di pagina nella tesi, cerchiamo di capire come è strutturato un elaborato finale e perché ciascun elemento è fondamentale per la sua stesura.

Un elaborato finale si compone generalmente di questi elementi:

  • Introduzione alla tesi
  • Indice della tesi
  • Corpo del testo
  • Conclusione
  • Bibliografia e sitografia tesi
  • Eventuali appendici

In questo quadro, le note si possono inserire in diversi contesti, proprio perché ne esistono diverse tipologie che vedremo nei prossimi paragrafi.

Cos’è una nota a piè di pagina

Arriviamo ora al cuore della nostra guida e cerchiamo di dare una definizione di note a piè di pagina nella tesi e esempi relativi a questo elemento.

In ambito editoriale, si definisce nota:

Un breve testo, avente in genere funzione esplicativa. Quando è posizionata in fondo a una pagina di un libro o di un documento viene chiamata nota a piè di pagina o nota in calce

Dunque possiamo dire che la nota può ottemperare a queste funzioni:

  • Spiegare nel dettaglio un concetto accennato nel testo;
  • Esplicare il significato o la traduzione di un termine o di un’espressione;
  • Rimandare ad approfondimenti del testo;
  • Dare delle informazioni propedeutiche per il lettore.

Ad ogni modo, ciò che deve essere chiaro è che le informazioni contenute nelle note non sono prioritarie. Esse infatti hanno il compito di aggiungere spiegazioni accessorie rispetto al tema principale del discorso.

Vediamo ora quali tipologie di note potresti inserire nel tuo lavoro di ricerca.

Tipologie di note

scrivere la tesi di laurea

Il mondo delle note è piuttosto vasto e racchiude al suo interno diverse implicazioni. In generale, possiamo imbatterci in tre tipi di note:

  1. Note a piè di pagina, di semplice impatto visivo per il lettore, che contengono generalmente riferimenti bibliografici essenziali, brevi osservazioni o chiarimenti propedeutici alla comprensione dell’elaborato;
  2. Note a fine capitolo, situate per l’appunto in una pagina ad hoc al termine di ogni capitolo. Fanno riferimento ad informazioni utili da approfondire per il lettore, richiamando ad esempio a fonti bibliografiche;
  3. Note a fine libro, tendenzialmente più corpose e poste alla fine dell’elaborato. Queste note contengono osservazioni tematiche con riscontri ampi, che si possono integrare con approfondimenti mirati in appendice.

Nello specifico, le note a piè di pagina nella tesi sono uno strumento potentissimo per facilitare la lettura, ma solo se utilizzate con giudizio. Ti consigliamo, infatti, di non abusarne ma di farne un uso ponderato, proprio per non fargli perdere la loro funzione originale di arricchimento testuale.

Come si scrivono

Passiamo ora alla parte più operativa di questa guida e vediamo come si scrivono le note a piè di pagina nella tesi di laurea.

Se le note contengono riferimenti bibliografici, i testi devono essere citati seguendo questo schema:

  • Nome dell’autore (è sufficiente l’iniziale del nome puntata)
  • Cognome dell’autore scritto per esteso
  • Titolo e sottotitolo dell’opera scritti in corsivo
  • Città, editore e anno di pubblicazione
  • Eventuali pagine di riferimento di quella edizione in cui trovare il passaggio correlato alla nota

Vediamo qualche esempio:

F. Bulegato, I musei d’impresa. Dalle arti industriali al design, Roma, Carocci, 2008

G. Corbetta, Le aziende familiari. Strategie per il lungo periodo, Milano, Egea, 2010

Nel caso di più autori, ecco qualche esempio di nota a piè di pagina:

D.Brunetti, T. Ferrero, Archivi d’Impresa in Piemonte, Torino, Centro Studi Piemontesi, 2013

AA.VV., Musei del gusto. Mappa della memoria enogastronomica, Pescara, Carsa Edizioni, 2007

La sigla AA.VV. sta per autori vari. A proposito di abbreviazioni, vedremo quali sono le più comuni nel prossimo paragrafo.

Se devi citare un articolo di una rivista, le informazioni da inserire sempre sono:

  • Cognome e nome puntato dell’autore dell’articolo
  • Titolo dell’articolo in corsivo
  • Titolo della rivista tra virgolette e preceduto da “in” (scritto in corsivo)
  • Annualità (indicata con “a.” e in numeri romani) e numero della rivista (indicato con n. e in numeri arabi, in grassetto)
  • Data di pubblicazione
  • Intervallo delle pagine consultate

Ecco un esempio:

R. Bonadei, Heritage: tra storia e dibattito politico. Una parola e le molte che la abitano, in “Rivista del Museo Civico Scientifico Naturale E. Caffi di Bergamo”, n. 22, 2003, pp. 91-96

Abbreviazioni e sigle

Entriamo ora nel mondo delle abbreviazioni più comuni utilizzate nelle note:

  • Cfr. è l’abbreviazione della parola latina confer, ovvero confronta. Sta ad indicare ulteriori materiali o idee che possono fornire informazioni o argomenti simili o differenti;
  • Vd. significa “vedi”. In inglese si usa v.;
  • Ibidem è un avverbio latino che significa “nello stesso luogo”. Viene utilizzato per citare un’opera già citata in precedenza e veicola il significato della frase “nella stessa opera (sopra citata)”, solitamente è seguita dal numero della pagina (o altra indicazione per trovare la citazione). Dunque, se devi citare la stessa opera e le stesse pagine nello stesso contesto puoi usare Ibidem;
  • Ivi è un avverbio che significa “In quel luogo”. Viene impiegato per rinviare a una fonte già citata in precedenza. Quindi se nella stessa pagina dobbiamo citare la stessa opera ma pagine differenti possiamo usare Ivi + pagg. XYZ

Consigli per scrivere note perfette

Ora che abbiamo visto quali sono le tipologie di note più diffuse e come si scrivono le note a piè di pagina nella tesi, chiudiamo con alcuni consigli preziosi per la produzione del tuo lavoro di ricerca:

  • Non numerare a mano le tue note: questo perché, durante la scrittura, può capitare di aggiungere o rimuovere parti del testo compromettendo la numerazione fedele originale. Utilizza l’opzione specifica del tuo programma di scrittura e ricordati che le note a piè di pagina devono essere sempre associate ad un numero univoco all’interno del testo;
  • Riporta le citazioni in modo pulito, soprattutto se devi mettere in evidenza aspetti bibliografici. Cerca di non essere eccessivamente prolisso;
  • Non scrivere troppe note: va bene approfondire, ma non esagerare con la produzione di note, altrimenti perderanno valore;
  • Attenzione al font: usa un carattere più piccolo per le tue note, ma che sia leggibile da parte del fruitore.

Sul mondo delle note ti abbiamo detto proprio tutto: non ti resta che scrivere il tuo elaborato finale e goderti il raggiungimento di questo importante traguardo.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali