informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come vincere le paure? 5 consigli per superare una fobia

Commenti disabilitati su Come vincere le paure? 5 consigli per superare una fobia Studiare a Grosseto

Come vincere le paure? Beh, la paura è una delle emozioni più potenti ed immobilizzanti che conosciamo: quando abbiamo paura, infatti, gli effetti si sentono sia sulla mente che sul corpo. La paura può creare forti segnali di risposta quando siamo in situazioni che percepiamo come pericolose, come ad esempio un incendio. La paura, però, agisce anche in situazioni che sono oggettivamente meno pericolose, ma che ci mettono davanti a delle sfide: può trattarsi di un esame universitario, di un discorso in pubblico o di un nuovo lavoro.

In questa guida dell’Università Niccolò Cusano ti spiegheremo come vincere l’ansia e la paura attraverso cinque consigli utili per ritrovare la tua serenità. Iniziamo subito.

Ecco come sconfiggere ansia e paure

Quando parliamo di ansia, facciamo riferimento ad alcuni tipi di paura che di solito hanno a che fare con il pensiero di una minaccia o con qualcosa che potrebbe andar male in futuro. La paura e l’ansia possono durare per un breve periodo e poi passare, ma possono anche durare molto più a lungo e bloccare la tua capacità di prendere decisioni. Per questo motivo capire come superare la paura è fondamentale per migliorare non solo la tua carriera accademica, ma anche la qualità della tua vita.

Se vivi spesso situazioni che tendono a farti cadere in uno stato di ansia e preoccupazioni, sei nel posto giusto: nei prossimi paragrafi di questa guida ti spiegheremo come imparare a sentirti meno pauroso e ad affrontare la paura in modo che non influisca sulle tue decisioni.

LEGGI ANCHEI 10 libri sull’autostima che dovresti leggere

1 – Consapevolezza

Se vuoi capire come vincere le fobie e le tue paure, il primo passo da fare è essere consapevole di ciò che ti rende preoccupato e, soprattutto, di avere qualcosa che ti preoccupa. Spesso il nostro cervello “reagisce” agli stimoli che non riusciamo a controllare cercando di soffocarli o, addirittura, negandoli.

Prima di poter iniziare a superare la paura, devi essere consapevole che le tue paure stanno causando disagi nella tua vita. Tu non sei le tue paure: non identificarti con queste, ma portale fuori dal tuo essere e impara a riconoscerle.

Fai un elenco delle cose che ti mettono più paura o che ti fanno cadere in uno stato di forte stress: in relazione alla tua vita da studente universitario, queste potrebbero essere lo svolgimento di un esame, la discussione di una tesi, la presentazione di un progetto. Cerca di capire quali sono gli aspetti che più ti fanno paura e agisci sulle cause. Chiediti, ad esempio:

  • Ho paura perché non mi sento all’altezza?
  • C’è qualcosa che, più di ogni altra, mi pone in uno stato di stress?
  • In che modo posso superare questo disagio?
  • Come posso reagire ai sintomi della paura?

Insomma, analizza le tue paure, scrivile su un foglio e annota tutto ciò che ti allontana dai tuoi obiettivi. Essere consapevoli delle tue reazioni è il primo passo per imparare a domarle.

2 – Esercita la gratitudine

Spesso le cause delle tue paure risiedono in una profonda insicurezza: avere una scarsa autostima ti impedisce di raggiungere i tuoi obiettivi e impatta negativamente sulle tue performance.

Ogni volta che senti che la paura si sta impossessando della tua mente, pensa a tutto ciò per cui dovresti ringraziare te stesso. Se hai paura di parlare in pubblico, sii grato dell’opportunità di comunicare con così tante persone che sono lì per ascoltare ciò che hai da dire. Sforzati di ribaltare punto di vista e non essere troppo severo con te stesso: datti il giusto tempo per metabolizzare e per affrontare le tue paure.

Crea un quaderno della gratitudine: ogni giorno, scrivi almeno tre cose per cui pensi di dover essere grato a te stesso. Ti aiuterà ad essere più sicuro di te e a rafforzare la percezione positiva di te stesso.

3 – Controlla la tua immaginazione

Abbiamo detto che la paura è un sentimento immobilizzante che spesso si presenta al solo pensiero di qualcosa che sta per accadere.

La paura e l’ansia prosperano quando immaginiamo il peggio: abbiamo sviluppato l’immaginazione per essere in grado di proiettarci nel futuro in modo da poter pianificare in anticipo ciò che ci accadrà. Un effetto collaterale di questo processo, però, è proprio l’eventualità di immaginare che le cose non vadano come ci aspettiamo.

Se la tua immaginazione agisce ciclicamente in questo modo, rischi di ritrovarti in uno stato di ansia cronico, dove i cattivi pensieri hanno sempre la meglio su di te. Ecco cosa potresti fare:

  • Siediti e respira profondamente;
  • Immagina di vedere te stesso nella situazione di cui hai paura, ma immaginati calmo, composto, rilassato e soddisfatti, perché tutto sta andando nel verso giusto.

Questo semplice esercizio serve per ricondizionare la tua mente e per farti sentire più ottimista nei confronti del futuro.

4 – Usa il cervello “pensante”

Quando precipitiamo in uno stato d’ansia, essere lucidi è estremamente difficile. Per riprendere il controllo, devi imparare a usare parti del “cervello pensante”, che abbasserà la tua emotività.

Il modo più semplice per farlo è usare i numeri. Ordina la tua paura su una scala da 1 a 10, dove 1 rappresenta la minima intensità e 10 la massima intensità. Quando ti senti ansioso, chiedi a te stesso: “In quale numero della scala della paura mi trovo in questo momento? Sono un 3o un 7?” Solo facendo questo noterai che l’ansia si abbasserà, perché attiverai il cervello pensante e cercherai di razionalizzare la tua paura.

Ridimensionare la tua paura è la cosa migliore da fare per essere più disteso e riprendere il controllo: rendere la tua fobia completamente inoffensiva è ciò a cui dovresti ambire.

5 – Sperimenta il metodo AWARE

Se vuoi capire come vincere le paure, uno schema da sperimentare è il cosiddetto “modello AWARE”. Di cosa stiamo parlando, esattamente? Si tratta di un sistema molto semplice e veloce per riprendere il controllo, basato proprio su un acronimo inglese. Vediamo cosa rappresenta ciascuna lettera nel dettaglio:

  • A: Accetta l’ansia. La consapevolezza e l’accettazione sono il primo passo per affrontare ciò che ti fa paura;
  • W: Fermati e guarda l’ansia. Osserva i tuoi sintomi e non abbandonarti al loro controllo. Quando li percepisci, inizia a respirare profondamente e sforzati di rimanere calmo;
  • A:  questa A sta per “Azione”. Quando noti la paura, continua a parlare o comportarti come se nulla fosse. Questo invia un potente segnale alla tua mente inconscia che la sua risposta eccessivamente drammatica non è in realtà necessaria perché nulla di insolito sta succedendo;
  • R: Ripeti i passaggi precedenti nella tua mente se necessario;
  • E : Aspettatati il meglio e impara a pensare positivo. Impara a riconoscere la consapevolezza che puoi controllare la paura molto più di quanto pensavi possibile.

Su come superare le paure abbiamo detto proprio tutto, per oggi: non ti resta che sperimentare questi 5 approcci e cambiare al tua vita ritrovando la tua serenità.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali