informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come sconfiggere la timidezza: tecniche e consigli utili da seguire

Commenti disabilitati su Come sconfiggere la timidezza: tecniche e consigli utili da seguire Studiare a Grosseto

Sei alla ricerca di consigli utili su come sconfiggere la timidezza?

Sei nel posto giusto: in questa guida ti spiegheremo come non essere timido e come relazionarti meglio con gli altri, senza cadere in quell’alone di imbarazzo che spesso ti blocca.

La timidezza è una condizione che può essere davvero debilitante per chi ne soffre: questa può portare il soggetto ad estraniarsi dal mondo, un po’ perché chi è timido tende a evitare situazioni pubbliche e a parlare, un po’ perché soffre di ansia cronica.

Se anche tu ti senti timido, ti rassicuriamo subito: secondo alcune statistiche, quattro persone su dieci si considerano timide. Anche se avvertirai questa tua condizione come drammatica, ecco la buona notizia: si può vincere la timidezza e migliorare la tua relazione con le altre persone. Con il tempo, lo sforzo e il desiderio di cambiare, potrai davvero sbarazzarti di questo sentimento.

Vediamo ora una serie di consigli utili su come combattere la timidezza.

Ecco come superare la timidezza e stare bene con te stesso

Per superare la timidezza e la “fobia sociale” ci sono diverse tecniche e accorgimenti che potresti seguire. Principalmente, si tratta di agire sulla fiducia in te stesso e sul tuo modo di vivere le relazioni con l’altro. Se sei curioso di capire come sconfiggere la timidezza, continua nella lettura: ecco i consigli dell’Università Niccolò Cusano per andare oltre ogni blocco.

LEGGI ANCHE – Paura di esibirsi in pubblico: che cos’è e come superarla

come vincere la timidezza

1 – Riconosci la timidezza come qualcosa di “normale”

Una delle cose che rende il superamento dell’essere timidi è che queste persone tendono a pensare che sia un problema che solo pochi altri sperimentano.

Questo li rende capaci di pensare che c’è qualcosa di sbagliato in loro, distruggendo ancora di più la loro già fragile autostima.

In realtà, come abbiamo accennato, sono molte le persone che vivono almeno una situazione di timidezza durante la vita. Anche molti personaggi pubblici come attori, cantanti e politici sono timidi, ma hanno imparato a gestire il fenomeno con successo.

Comprendendo che la timidezza è comune e, cosa più importante, comunemente superata, il problema inizia a sembrare molto meno debilitante.

2 – Accetta di non piacere agli altri

Se ti stai chiedendo come si fa a non essere timidi, sappi che parte dell’ansia che provi deriva dal fatto che vogliamo essere apprezzati da tutti.

Se qualcuno non sembra apprezzarci, tendiamo a demoralizzarci e a chiederci cosa abbiamo di sbagliato.

Nessuno è universalmente apprezzato: semplicemente può capitare che la tua personalità non si allineerà con alcune persone. Ricorda, ci sono anche persone che non piacciono a te. Accetta questa eventualità e vivila in modo positivo.

3 – L’ansia non è una minaccia alla sopravvivenza

L’ansia sociale affonda le sue radici nel nostro passato primordiale: in tempi remoti, l’appartenenza a un gruppo era essenziale per la sopravvivenza.

L’ansia sociale è il modo naturale per garantire che facciamo ciò che dobbiamo fare per stare con il branco. Anche se oggi viviamo in un ambiente piuttosto sicuro e non dobbiamo preoccuparci di morire se non facciamo parte di un gruppo sociale, i nostri cervelli continuano a percepire enormi quantità di stress e ansia allo spettro di essere rifiutati.

Quella sensazione di ansia che proviamo non è “reale”, nel senso che non ti stai esponendo ad un pericolo che minaccia la tua sopravvivenza. È una sensazione generata da un gruppo di neuroni. 

Parlando realisticamente e facendo un esempio concreto qual è la cosa peggiore che ti potrebbe accadere se facessi brutta figura con un gruppo di sconosciuti? Al massimo si potrebbe creare un po’ di imbarazzo, da smorzare magari con una battuta.

Se ti senti stressato prima, durante o dopo un’interazione sociale, ricordati continuamente che questi momenti imbarazzanti non sono minacce di sopravvivenza. Ripeti a te stesso che va tutto bene, respira profondamente e non lasciarti condizionare dai riflessi ancestrali.

4 – Esercitati in situazioni “sicure”

Nell’era digitale in cui viviamo, la migliore terapia per vincere la timidezza è fare pratica parlando con familiari e amici, magari attraverso dei brevi video.

Comparire in video, scrivere un blog, pubblicare i tuoi pensieri ti aiuterà a capire come sconfiggere la timidezza avendo un atteggiamento di apertura nei confronti del mondo. Fai questo esercizio con costanza e cerca di migliorarti ogni giorno di più.

Ricorda che le abilità sociali, come tutte le abilità, sono altamente deperibili. Non puoi aspettarti di padroneggiarle se non le eserciti quotidianamente. Quindi non aspettare di mettere alla prova le tue abilità sociali in ​​situazioni in cui il risultato è importante per te. Piuttosto, pratica il più possibile in situazioni poco rilevanti o in cui ti senti sicuro.

Continua a esercitarti in situazioni di quotidianità, ad esempio, con la commessa del supermercato o il cameriere del tuo ristorante preferito.

5 – Compi piccoli passi

Un approccio comune che le persone timide mettono in atto per superare l’ansia è sottoporsi subito ad una grande sfida sociale, spesso senza successo.

Infatti, il problema di questa strategia è che se non riesci a socializzare senza problemi, rinforzi semplicemente l’dea che già hai nella tua testa di essere timido e goffo, che non puoi cambiare, che socializzare è minaccioso e che l’unico modo per liberarti di quei sentimenti minacciosi è quello di evitare qualunque tipo di apertura.

Il successo genera successo quando si supera la timidezza: più successo otterrai, maggiore sarà la sicurezza in te stesso che acquisirai.

Invece di fissare grandi obiettivi,  punta a piccoli traguardi che sembrano meno minacciosi. Prima di tutto, impara semplicemente a lavorare sul contatto visivo con le persone. Quando, ad esempio, fai una domanda ad un tuo collega per lavoro, guardalo negli occhi mentre ti risponde.

Cerca di generare delle interazioni con persone che conosci e con cui hai già avuto dei contatti. Ad esempio, quando prendi il caffè la mattina al bar, chiedi al tuo barista come va la sua giornata. Se hai bisogno di aiuto per trovare qualcosa in un negozio, chiedi a un commesso di aiutarti.

Tratta le tue piccole interazioni sociali quotidiane come piccoli esperimenti e sfrutta ogni occasione per uscire dalla tua “zona di comfort” e creare un dialogo.

6 – Assumi un ruolo sociale predeterminato

Se la tua domanda principale è come sconfiggere la timidezza, devi sapere che una delle ragioni per cui le persone si preoccupano degli incontri sociali è che non sono sicuri di ciò che dovrebbero dire o di come dovrebbero agire in determinate situazioni.

È l’incertezza la vera fonte primaria di ansia. Secondo alcune ricerche, le persone dimenticano la loro ansia più facilmente se sono coinvolte in attività che sono utili agli altri e danno loro un ruolo o un lavoro predeterminato.

Ad esempio, molte persone che si definiscono timide non hanno alcun problema a parlare con estranei se fanno parte del loro lavoro. Se stai cercando di superare la tua timidezza per poterti fare nuovi amici, prendi in considerazione di dedicare il tuo tempo a organizzazioni che si allineano con i tuoi interessi e valori.  Facendo un esempio, se ti piace la politica, dedicati ad un’attività come volontario. Se sei molto religioso, frequenta il gruppo della tua parrocchia.

Avendo il tuo ruolo in un gruppo, acquisirai più sicurezza in te stesso e avrai più possibilità di uscire dal guscio.

Hai le idee più chiare su come sconfiggere la timidezza? Siamo certi che, grazie ai nostri consigli, riuscirai a migliorare la tua vita sociale e a trovare nuovi amici in poco tempo.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali