informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Autocontrollo emotivo: ecco 5 consigli per imparare a gestire le emozioni

Commenti disabilitati su Autocontrollo emotivo: ecco 5 consigli per imparare a gestire le emozioni Studiare a Grosseto

Quando parliamo di autocontrollo emotivo facciamo riferimento alla capacità di tenere sotto controllo la nostra parte emotiva disturbante, mantenendo il controllo sulle nostre azioni.

Controllare le emozioni ed evitare che queste ci facciamo perdere la bussola è un’abilità fondamentale da sviluppare: anche se questa è importante per tutti, può essere cruciale per un aspirante imprenditore o chiunque abbia una posizione di leadership. Allo stesso tempo, gestire l’emotività è importante anche per uno studente: pensa, ad esempio, ad una situazione come un esame orale, in cui l’ansia potrebbe avere la meglio, così come durante la presentazione di un progetto.

In questa guida dell’Università Niccolò Cusano di Grosseto parleremo proprio di come fare per gestire al meglio la tua sfera emotiva e reagire alle situazioni di stress. Iniziamo subito.

Ecco come controllare le emozioni efficacemente

Avere uno scarso autocontrollo emotivo rischia di compromettere la qualità dei tuoi pensieri, la tua capacità di giudizio e il tuo comportamento. Le decisioni avventate che scaturiscono da una reazione emotiva hanno un impatto sulla tua efficacia nel risolvere i problemi e hanno un’influenza sugli altri non indifferente.

Come fare per imparare a gestire le emozioni e a non cadere in balìa di esse? Ecco una serie di consigli utili per migliorare la qualità della tua vita e del tuo lavoro.

LEGGI ANCHE – Come sconfiggere la timidezza: tecniche e consigli utili da seguire

Cos’è l’autocontrollo emotivo?

L’autocontrollo emotivo implica la capacità di riconoscere e gestire le proprie emozioni, mantenendo la propria efficacia anche in situazioni di stress.

Questo però non significa evitare o reprimere le emozioni: si tratta, piuttosto, di un’abilità di controllo, che può essere acquisita ripetendo costantemente certe azioni.

Ci sono delle situazioni in cui può capitare di sentirci sopraffatti dalle emozioni, come se fossero loro a controllare noi e non viceversa. Quando le emozioni annebbiano la nostra mente, tutti gli altri sforzi intellettuali, dalla formulazione di una frase alla risoluzione di un problema, diventano difficili da gestire.

Il blocco delle nostre abilità cognitive ci porta ad agire con impulsività o a fare o dire cose che non pensiamo, rischiando di  danneggiare le relazioni.

Le emozioni fanno parte della nostra vita quotidiana e il modo in cui le sentiamo e le esprimiamo influenza la qualità della nostra vita, ma anche il modo in cui gli altri ci vedono. Se, ad esempio, siamo abituati ad arrabbiarci e a fare un vero dramma quando il nostro partner non risponde al telefono, invece di affrontare la situazione in modo razionale e calmo, questo sicuramente ci predisporrà a rapporti conflittuali.

Per questo è importante saper gestire i pensieri automatici negativi: le nostre reazioni determinano il nostro umore e influiscono sui nostri pensieri.

5 consigli da mettere in pratica ora per il controllo delle emozioni

Se sei costantemente di cattivo umore, se non riesci a gestire lo stress e ti senti sopraffatto, probabilmente dovrai imparare qualche tecnica di autocontrollo emotivo. Eccone alcune da applicare subito.

LEGGI ANCHE – Come aumentare la produttività personale a lavoro: 9 consigli da seguire

1 – Prendi tempo

Il primo consiglio che vogliamo darti per mettere in pratica l’autocontrollo emotivo è quello di provare a rimuovere temporaneamente te stesso dalla situazione che rischia di sopraffarti.

Che cosa significa? Se senti che un’emozione sta prendendo il controllo si di te, ritagliati un intervallo di 20 minuti per creare un  ambiente per te stesso a bassa pressione. Abbiamo detto che le emozioni influenzano il nostro giudizio e la nostra scelta: per questo dissociarti per un momento potrebbe aiutare a farti vivere la cosa sotto un altro punto di vista.

Inoltre, secondo uno studio, sembrerebbe che le emozioni negative generate da una situazione X si applichino anche ad una successiva situazione Y non correlata. Ad esempio, la frustrazione che accumuli nel traffico pesante può tradursi in rabbia quando arrivi in ​​ufficio.

2 – Usa il modello ABCDE

L’ansia e la preoccupazione inibiscono l’autocontrollo emotivo. Avere un po’ di preoccupazione va bene, perché ci aiuta a rimanere vigili sulla nostra attività e può assisterci nella prevenzione di rischi eccessivi. Tuttavia, essere in balia dell’ansia può indebolirci e minare al nostro ottimismo, generando pensieri negativi.

Per gestire le preoccupazioni, prova ad applicare il modello ABCDE sviluppato dal Dr. Martin Seligman, dove:

  • A-Adversity (avversità): il primo passo è quello di identificare le avversità
  • B-Belief (credenza): dovrai poi identificare le convinzioni automatiche che hai quando provi le avversità.
  • C-Consequences (conseguenze): come ti senti dopo aver provato questa convinzione?
  • D-Disputation (disputa): contesta queste credenze automatiche esaminando i fatti della situazione. Chiediti: quali sono le prove concrete che sostengono questa convinzione?
  • E-Energization (energizzazione): elenca i pensieri e le sensazioni che hai ora come risultato dell’analisi e della contestazione dell’interpretazione negativa che hai attribuito ad un’avversità. Ha cambiato il modo in cui ti senti? Ti ha aiutato a vedere la situazione da una prospettiva diversa?

Ripeti questo modello per imparare a gestire i tuoi pensieri automatici negativi e le tue “convinzioni limitanti”, ossia le barriere e i limiti che tu stesso ti poni senza avere un fondamento.

3 – Crea un diario delle emozioni

Una buona abitudine che potresti coltivare per imparare a gestire e a conoscere le tue emozioni è quella di tenere un diario. In questo diario, che sia cartaceo o digitale, dovrai annotare ogni giorno quali forti emozioni hai più spesso, analizzando i passaggi che precedono l’emozione.

Questo ti aiuterà a focalizzare l’attenzione su te stesso, su ciò che senti e pensi, in modo da poter cambiare i tuoi pensieri ed emozioni negative.

4 – Riconosci (e gestisci) ciò che ti fa perdere la pazienza

La mancanza di pazienza è una condizione che può portare facilmente ad un accumulo di stress. Quando perdi la pazienza, potresti prendere decisioni improvvise o avere un atteggiamento sprezzante con le persone di cui potresti pentirti.

Avere pazienza, ovviamente, non significa accettare tutto; quando affronti le persone o le situazioni, però, potresti farlo con più calma.  Conoscere i tuoi personali punti di rottura può aiutarti a sviluppare una maggiore pazienza. Considera di fare una lista delle cose che minano alla tua pazienza e sviluppa strategie per evitare che questi inneschi ti facciano perdere la calma.

Ad esempio, potresti decidere di rimanere in silenzio quando sei sotto stress. Se la tua impazienza deriva da lotte legate alla gestione del tempo, pensa a procurarti alcuni strumenti per aiutarti a mantenere la tua produttività e ridurre lo stress causato dalle pressioni temporali.

5 – Sperimenta tecniche di rilassamento

L’autocontrollo emotivo prevede una serie di comportamenti e anche di consapevolezze che dovrai acquisire nel corso del tempo. Una buona abitudine che potresti prendere quando le emozioni cercano di sopraffare la tua mente è quella di rilassarti. Che sia con la meditazione, lo sport, l’arte o la musica, l’importante è che sia un’attività che ti faccia svagare e che ti renda felice.

Se le emozioni ti fanno perdere il controllo, staccare la spina diventa fondamentale per ritrovare te stesso ed evitare di avere reazioni di cui potresti pentirti.

Su come gestire le emozioni abbiamo detto proprio tutto, per oggi: non ti resta che mettere in pratica i nostri consigli e integrare l’autocontrollo emotivo nella tua vita. Vedrai che, con un po’ di costanza, inizierai a raccogliere i tuoi frutti.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali