informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Studiare 10 ore a settimana: ecco come fare

Commenti disabilitati su Studiare 10 ore a settimana: ecco come fare Studiare a Grosseto

Una delle abitudini più diffuse tra gli studenti universitari è quella di dedicarsi a sessioni di studio interminabili, senza applicare un vero metodo. Questo porta facilmente a momenti di stress e a non raggiungere i risultati sperati, nonostante il molto tempo trascorso sui libri. Studiare 10 ore a settimana può sembrare un tempo ridotto ma, se praticato con metodo e continuità, può essere sufficiente a raggiungere risultati.

Il segreto principale di uno studio veloce è legato all’aumento della qualità delle poche ore che si trascorreranno sui libri; grazie alle strategie che apprenderai, ti concentrerai sull’obiettivo e potrai dedicare più tempo ai tuoi interessi.

Leggere un capitolo di un libro e nel frattempo rispondere alle notifiche sullo smartphone o trovando altre distrazioni non è propriamente consigliabile. Stesso ragionamento lo si fa se si è soliti ripetere meccanicamente delle definizioni imparate a memoria che, di solito, si dimenticano non appena si esce dall’aula in cui si è sostenuto l’esame. Se non prima.

Ma allora quali strategie bisogna privilegiare per studiare più velocemente?

Studiare poche ore a settimana: le strategie

Ci siamo, hai un esame a cui sottoporti e hai necessità di assimilare i concetti più velocemente perché lo studio matto e disperato di tante ore al giorno non ti gratifica e ti svilisce.

Segui i nostri consigli e congeda il vecchio metodo, è arrivato il momento di dare credito alla qualità a discapito della quantità.

Evita i cicli di studio intensivi

Partiamo dal presupposto che, come abbiamo anticipato, concentrare lo studio in sessioni lunghissime di 10 ore al giorno diventa alla lunga molto stressante e improduttivo.

Per questa ragione, potresti prendere in considerazione l’idea di evitare i cicli di studio intensivi, approcciando allo studio con costanza e pazienza. Ti consigliamo quindi di evitare di ricadere in cicli di studio fissi e intensivi che non aiutano a rilassarsi e fanno arrivare stanchi il giorno dell’esame.

Meglio studiare quando hai un livello sufficiente di concentrazione, per meno ore ma con maggiore produttività.

Non sottolineare tutto

Gran parte degli studenti tende a rileggere più volte lo stesso paragrafo, dopo aver sottolineato i passaggi che ritiene più importanti. Non per tutti però questa tecnica si rivela vincente: anzi, per alcuni diventa addirittura controproducente, poiché il rischio è quello di dirottare la propria attenzione su concetti che sono meno rilevanti di altri.

Nota di merito invece agli schemi e ai diagrammi per andare a riportare e sintetizzare i concetti chiave.

Solo dopo aver capito appieno il testo, sarai in grado di individuare – tra la moltitudine – una parola o una frase che crea il collegamento con il concetto che devi tenere a mente.

Usa le tue parole

La regola da cui non si può prescindere riguarda l’uso di parole proprie per spiegare i concetti che vengono a mano a mano memorizzati.

Non occorre ripetere gli argomenti usando le stesse parole, o al limite i sinonimi, del libro, incluse le forme grammaticali.

Dovrai creare frasi ex novo, facendo in modo di esporre le tematiche a modo proprio e in maniera semplice.

Sbarazzati dello smartphone

La distrazione principale che ti porterà a distogliere l’attenzione dallo studio, è sicuramente il cellulare. Per risolvere questo problema, è preferibile allontanare fisicamente lo smartphone dal proprio raggio visivo o, in alternativa, staccare la connessione internet.

Preferisci lo studio da solo

Se vuoi provare a studiare meno e meglio, è bene almeno all’inizio seguire solo ed esclusivamente i tuoi ritmi, senza assoggettarti a quelli degli altri.

Studiare da soli è la soluzione. Una volta che avrai trovato la “velocità” giusta e la concentrazione che ti serve per gestire l’organizzazione dello studio, potrai valutare di condividere questo momento con gli altri.

Ripassa molto

Lo step più importante è il ripasso, perché motiva e fa stare anche più sereni. La mattina, a mente fresca, con l’ausilio degli schemi, prima di apprendere nuovi concetti potresti ripetere quelli memorizzati il giorno precedente.

Anche in questo caso, dovrai prediligere esposizioni estremamente veloci, concise e chiare per sincerarti di aver interiorizzato davvero le nozioni apprese. Per questa attività, le mappe concettuali e gli schemi possono esserti davvero molto utili; grazie a questi, puoi verificare “a colpo d’occhio” la comprensione di una determinata tematica e facilitare la ripetizione ad alta voce, se fa parte delle tue abitudini di studio.

Su come studiare 10 ore a settimana abbiamo detto tutto; ricapitolando, se vuoi studiare meno e alzare la qualità dello studio, ti consigliamo di:

  • Pianificare con attenzione le sessioni di studio, decidendo una tabella di marcia per gestire i momenti in cui ti troverai sui libri
  • Eliminare ogni distrazione, così da studiare meno ma con maggior produttività
  • Creare schemi e diagrammi per semplificare l’apprendimento
  • Ripassare molto e concentrarti sulla ripetizione con parole tue, che ti assicura di aver interiorizzato i concetti

***

Credits Immagine: DepositPhotos / AndrewLozovyi

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali