informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come studiare diritto pubblico: consigli e suggerimenti

Commenti disabilitati su Come studiare diritto pubblico: consigli e suggerimenti Studiare a Grosseto

Sei alla ricerca di consigli su come studiare diritto pubblico?

In questa guida ti spiegheremo come si studia una delle discipline di studio più amate (e temute) dagli studenti: il diritto pubblico.

Durante la tua permanenza in università può capitare di imbatterti in materie di studio più complesse di altre, che richiedono un’attenzione specifica e un metodo di studio ad hoc.

È il caso del diritto pubblico, una disciplina che per gli studenti di giurisprudenza di Grosseto costituisce il “pane quotidiano”, ma che può essere presente anche nei corsi dell’area economico – politica.

Se cimentarti nel diritto ti mette in crisi, ecco come passare diritto pubblico studiando in modo efficace, sfruttando il giusto metodo di studio.

Come prendere 30 a diritto pubblico con il giusto metodo di studio

Dagli schemi diritto pubblico a come studiare diritto pubblico in un mese, ecco tutto quello che devi sapere per comprendere fino in fondo questa affascinante disciplina.

Bin Pitruzzella e diritto pubblico: un primo approccio

Se sei curioso di scoprire come studiare diritto pubblico, Roberto Bin e Giovanni Pitruzzella possono darti un valido aiuto per acquisire un metodo di studio efficace.

Nel manuale Diritto Pubblico di Bin e Petruzzella vi è una parte dedicata a come si studia il diritto, prendendo in considerazione gli elementi fondamentali per comprendere a fondo la disciplina.

La prima cosa da sapere su come studiare diritto privato è che “il diritto bisogna studiarlo ponendosi sistematicamente questa domanda: a che serve, la regola, il principio, l’eccezione o l’istituto che ho di fronte?”.

Questo perché, da sempre, il diritto si pone come strumento risolutore di conflitti, ed è dunque fondamentale conoscere il quadro storico delle leggi, le ragioni per cui sono state emanate, il contesto.

Secondo il manuale “non ci sono metodologie univocamente giuste, perché ogni testa è diversa dall’altra; ma vi sono metodologie sicuramente sbagliate”.

Tra gli errori che Bin Pitruzzella segnalano su come studiare diritto pubblico:

  • Imparare tutto a memoria;
  • Ripetere ossessivamente il libro, facendo sempre lo stesso lavoro;
  • Arrivare all’esame senza aver testato la tua preparazione e senza aver mai ripetuto ad alta voce.

Come fare per evitare d incorrere in questi errori? Nel prossimo paragrafo ti illustreremo l’approccio di studio consigliato sul manuale di Bin e Pitruzzella e ti daremo qualche consiglio in più su come studiare diritto pubblico velocemente e in modo efficace.

Studiare diritto semplicemente in pochi step

Ora che abbiamo visto quali sono gli errori da evitare quando si studia diritto, ecco i migliori metodi di studio e gli approcci per comprendere e gestire la disciplina.

Secondo Bin e Pitruzzella l’approccio ideale per studiare il diritto si articola in tre momenti:

  1. Differenziazione del lavoro, alla base della quale c’è una prima lettura complessiva “passiva”, per capire l’estensione della materia, la sua suddivisione, i punti centrali;
  2. Seconda lettura “attiva”, dove si deve sottolineare il testo, mettere in evidenza le definizioni, scrivere schemi e diagrammi;
  3. Terzo lavoro, che consiste nel ripetere ad alta voce. Questo passaggio è indispensabile, perché serve per verificare l’effettivo assorbimento delle nozioni.

Alla luce di questo schema, però, sono doverose due raccomandazioni:

  • Non ripetere ad alta voce tenendo il libro aperto davanti agli occhi, perché in questo modo rischi di ripetere i concetti con il linguaggio del manuale, invece di svilupparne uno proprio;
  • Fai degli schemi e dei lavori di sintesi nella lettura “attiva”, ma evita i riassunti, perché ” il riassunto, fatto da chi la materia ancora – per definizione – non la conosce, è un vero e proprio autogol”.

Per studiare bene diritto pubblico è fondamentale leggere i giornali, perché sono ricchi di possibili casi da analizzare e fare propri quando si cercano degli esempi calzanti.

Inoltre è buona prassi procurarti una copia della Costituzione, che ti servirà per possibili richiami e riferimenti approfonditi alla materia.

Esame di diritto pubblico

L’esame di diritto pubblico può essere, per alcuni, uno scoglio insormontabile, ma ti assicuriamo che non è così. Ora che abbiamo visto quali sono le tecniche per approcciare con successo alla materia, vediamo come gestire la prova d’esame di diritto pubblico e domande possibili.

La prima cosa da fare quando si affronta un esame è rimanere calmi: l’ansia è cattiva consigliera e rischia di compromettere inevitabilmente il tuo umore e l’andamento della prova.

Per affrontare con successo l’esame di diritto pubblico, ti consigliamo di:

  •  Se l’esame è orale, non titubare davanti alle domande del docente: mostrati sicuro di te e presta attenzione alla gestualità e al tuo tono di voce (se gli esami orali ti mettono in crisi, leggi anche: Come superare la paura di parlare in pubblico);
  • Se l’esame è scritto, rispondi prima alle domande che conosci e prenditi del tempo per riflettere sulle altre. Cerca di argomentare la risposta con esempi di attualità o case history riportate nel testo;
  • Fare attenzione al linguaggio: ogni materia ha il suo linguaggio specifico e il diritto è un esempio più che calzante. Rielabora i concetti del testo e falli tuoi, ma fai attenzione a non stravolgere il linguaggio della materia.

Hai le idee più chiare su come studiare diritto privato?

Siamo certi che, grazie ai nostri consigli, riuscirai a superare l’esame di diritto all’Università Niccolò Cusano con ottimi risultati.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali