informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come preparare un concorso pubblico: gli step per superarlo

Commenti disabilitati su Come preparare un concorso pubblico: gli step per superarlo Studiare a Grosseto

Come preparare un concorso pubblico? Beh, questa è sicuramente una domanda interessante se hai intenzione di intraprendere una professione che richiede il superamento di un concorso.

Molto spesso i concorsi pubblici prevedono una serie di prove che servono per valutare la preparazione del candidato e la sua familiarità con le materie attinenti al tipo di qualifica richiesta. Le prove possono essere di varia natura, dai test attitudinali alle prove scritte ed orali.

Per superare un concorso pubblico servono tanto impegno e una preparazione impeccabile. In questa guida dell’Università Niccolò Cusano ti spiegheremo come prepararsi per un concorso statale, quali sono le accortezze da conoscere e come studiare efficacemente per raggiungere il tuo obiettivo.

Se sei pronto, iniziamo subito.

Ecco come superare un concorso pubblico

Sogni di vincere un concorso pubblico per intraprendere la professione che desideri? Continua nella lettura di questa guida: nei prossimi paragrafi ti daremo tutti i consigli di cui hai bisogno per raggiungere il traguardo sperato.

LEGGI ANCHE >> Come aumentare la produttività a lavoro: 9 consigli da seguire

Cos’è un concorso pubblico

Prima di capire come prepararsi per il concorso pubblico, diamo una definizione di questa attività, così da chiarirne subito gli aspetti caratterizzanti.

Per concorsi pubblici intendiamo delle “gare” di accesso lavorativo banditi da Ministeri, Università, Regioni, Comuni ed enti locali. L’obiettivo è quello di individuare il candidato più attinente ad un’occupazione specifica.

Dal lato di chi cerca lavoro, invece, l’impegno consiste nel ricercare il concorso più adatto ai propri studi e alle proprie competenze.

I bandi dei concorsi pubblici vengono pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale, sul Bollettino Ufficiale (per i concorsi Regionali) e su siti e riviste specializzate.

In ogni bando sono contenute una serie di indicazioni che chiariscono al potenziale candidato tutti i requisiti per accedere alla selezione, le modalità d’esame e le tempistiche per presentare la domanda di partecipazione.

#1 – I concorsi non sono tutti uguali

Il punto di partenza di cui parlare in questa guida riguarda la natura dei concorsi pubblici. Ebbene, come sai, i concorsi non sono tutti uguali: le prove possono essere diverse, possono esserci più prove da superare e gli argomenti da trattare sono estremamente vasti.

La prima cosa da fare per capire in che modo prepararti è conoscere con esattezza tutte le prove da superare. Chiediti:

  • Quante sono le prove da superare?
  • Quali sono le modalità della prova (scritta/orale)?
  • Quanto tempo hai a disposizione per la prova?
  • Qual è l’ordine delle prove da superare?
  • Quali sono gli argomenti da studiare?

Una volta che avrai chiarito questi parametri, potrai organizzare un piano di studio coerente con gli obiettivi che ti sei posto. Per accedere ad informazioni specifiche sul concorso a cui vorresti partecipare, leggi con attenzione il bando. Proprio nel bando troverai informazioni come:

  • La tipologia di figura professionale richiesta
  • I requisiti necessari per poter partecipare
  • I titoli che assicurano un punteggio aggiuntivo
  • Le modalità e i termini di presentazione della domanda di partecipazione
  • Le modalità di svolgimento delle prove selettive previste
  • I criteri di valutazione le modalità di assunzione dei vincitori

#2 – Pianifica lo studio

Se vuoi capire come preparare un concorso pubblico, dovrai partire dalla pianificazione del tuo studio. Sappiamo bene quanto sia impegnativo e complicato passare un concorso; a maggior ragione, prepararsi adeguatamente è l’unico modo per ottenere ciò che ti aspetti.

Organizza efficacemente il tuo tempo: il modo migliore per studiare davvero è farlo con metodo, pianificando lo studio. Chiediti quanti giorni hai a disposizione prima di svolgere la prova di concorso e poi pensa alle ore di studio giornaliere che potrai dedicare alla tua preparazione.

Un’attenzione particolare va al materiale d’esame: su cosa dovrai prepararti? Scomponi il materiale in piccoli pezzi e organizza un vero e proprio calendario di studio, dove per ogni giorno prevederai lo studio di determinate parti di programma.

Facendo un esempio concreto, se il manuale che hai scelto per studiare è composto da 300 pagine e hai a disposizione 30 giorni, dovrai studiare 10 pagine di quel manuale ogni giorno. Considera anche che dovrai dedicare qualche giorno al ripasso.

#3 – Fai i test di simulazione

Pianificare lo studio non basta per vincere un concorso statale. Un aspetto molto importante sta proprio nel testare le conoscenze che hai acquisito con lo studio. Come?

Cimentandoti nelle simulazioni dei test di concorso. Allenati ad affrontare quella tipologia di prova e acquisisci familiarità con il format. Studiare senza mettersi mai alla prova non ti permette di capire se, effettivamente, il tuo livello di preparazione è adeguato per svolgere al meglio quella determinata prova.

Il consiglio è quello di studiare e fare test di pari passo: se ti rendi conto che le tue performance nei test non sono all’altezza, riprendi i libri e approfondisci lo studio di quel determinato argomento.

#4 – Scegli bene il materiale di studio

In base al concorso pubblico che vuoi sostenere, le materie da affrontare cambiano notevolmente. Quali testi utilizzare per studiare?

Ci sono ormai diverse case editrici specializzate proprio nella vendita di testi per la preparazione ai concorsi pubblici: tutto sta nello scegliere il libro più adatto alle tue esigenze.

Per scegliere il libro migliore, vai in libreria e dai un’occhiata ai vari volumi. Leggi le recensioni online e confronta i libri per capire qual è quello migliore per te. Anche comprare più di un testo potrebbe essere una strategia vincente, specialmente se non si ha una solida cultura nelle materie del concorso.

Precisiamo anche che a volte, nel bando ufficiale, vengono indicati direttamente i testi specifici da usare durante lo studio.

#5 – Testa la tua preparazione sulle materie giuridiche

Le materie giuridiche sono un vero e proprio jolly nei concorsi pubblici. Seppur a diversi livelli, queste vengono richieste praticamente sempre e questo potrebbe essere uno svantaggio per chi non ha nel suo background una formazione di questo tipo.

Tuttavia, anche se non hai una formazione giuridica, non spaventarti e attivati subito per comprendere a fondo i concetti richiesti nel bando. In generale, diritto costituzionale, diritto amministrativo e diritto civile sono discipline molto gettonate nei concorsi.

Se, invece, provieni da studi giuridici, non prendere mai sotto gamba le tematiche affrontate nei test: sottovalutare la prova potrebbe essere un errore che ti distoglie dal raggiungimento dell’obiettivo finale.

#6 – Ripassa il tuo inglese

Un altro aspetto da considerare nella tua preparazione per un concorso pubblico è la conoscenza dell’inglese. Rispolvera il tuo inglese ripassando le basi grammaticali e le regole principali. Allenati sulla parte scritta e sulla parte orale facendo un po’ di conversazione.

Su come preparare un concorso abbiamo detto tutto, per oggi: non ti resta che metterti sui libri e impegnarti al massimo per raggiungere il tuo traguardo.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali